U16 – Ancora rosa

Campionato regionale under 16

BASKET VENAFRO – ACCADEMIA ISERNIA 82-45

BASKET VENAFRO: Casapenta, Pirozzi, Autenzio, Iaconelli, Capocci, Bandera, Punzi, D’Appollonio, Carcillo, Santoro, Romanelli, Primerano.

ACCADEMIA ISERNIA: Chiacchiari, Amicone, Fiorante, Mancini, Bello, Lombardi

IMG_8652Altra prova di forza per l’under 16 di coach Valente che ieri sera, sul parquet del Pedemontana, ha spazzato via l’Accademia Isernia nel recupero della seconda giornata di ritorno.
Poche chiacchiere e tanti fatti per una squadra che negli ultimi mesi è cresciuta tantissimo e che ha all’attivo solo due sconfitte dall’inizio della stagione.
Gli isernini, con 2 punti in classifica e un’unica vittoria riportata contro i campobassani del Campobasket, si presentano a ranghi ridotti, con una sola rotazione a disposizione di coach Ianiro. I padroni di casa invece, schierano la formazione al completo, con Casapenta, Pirozzi, Carcillo, Santoro e Primerano starting-five.
Una partita a senso unico sin dai primi minuti.
I venafrani concedono poco agli avversari, che, subendo la pressione difensiva dei padroni di casa, riescono a superare la propria metà campo con qualche difficoltà e arrivano poco lucidi sotto canestro.
Le rotazioni e gli aiuti difensivi funzionano bene; gli isernini mettono a segno solo 10 punti nel primo quarto (quasi tutti dalle mani di Amicone) e non riescono ad andare oltre i 50 a partita terminata. Ma è anche in fase di attacco che i padroni di casa impongono il proprio gioco, con Casapenta e Carcillo in vena realizzativa. L’alchimia di squadra è quella giusta, nonostante la partita, già sulla carta, non lasciasse spazio a colpi di scena.
Il gruppo prevale sulle individualità e questa sembra essere finora la più importante delle vittorie per coach Valente.
Il secondo quarto è un copia-incolla del primo, con lo stesso parziale (25-10), le due bombe di Carcillo e tutti gli uomini che vanno a referto.
Nella ripresa il ritmo si abbassa, i venafrani concedono qualcosa in più agli avversari, ma preferiscono dare più spazio alla panchina. Dei dodici giocatori a disposizione di coach Valente, undici trovano il canestro, mentre sul fronte opposto Chiacchiari e Lombardi trascinano la squadra nella vittoria del terzo periodo. Il gap è di trenta punti già al suono della penultima sirena, l’esito del match è scontato e si gioca solo per portare a casa un risultato già incassato.
I venafrani devono ancora recuperare la gara interna con Campobasket, fanalino di coda del campionato, prima di ospitare, nell’ultima giornata di ritorno, l’Airino Termoli, l’unica contendente a poter insidiare il secondo posto.
Per ora, tra i ragazzi di coach Valente e la vetta della classifica resta solo l’inviolabile Young Termoli, ancora imbattuta e a punteggio pieno. Una squadra, quella di coach Anzini, che se fino a qualche tempo fa sembrava inarrivabile, oggi appare meno pericolosa e l’obiettivo dei ragazzi e del coach di poter scalfire la grande corazzata risulta meno utopistico rispetto al passato. Segno che un gran lavoro è stato fatto e che molto ancora c’è da fare.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi