Dynamic, rimonta e vittoria di cuore a Roma

TIBER ROMA: Valentini 17, Reali 10, Bertoldo 19, Dal Sasso, Santucci 7, Padovani 1, Algeri 10, Ridolfi 4, Ricciardi ne, Galli ne, Moretti 2, Sforza ne.

DYNAMIC VENAFRO: Moretti 10, Minchella, Rossi 11, Tamburrini 7, Laguzzi 11, Gueye 4, Hassan 6, Pagano, Rinaldi 32, Sabetta ne, Cancelli ne.

 

Il primo quarto della Dynamic sul parquet della Tiber Roma non sembrava aprire scenari troppi rosei per i venafrani. I capitolini hanno piazzato un break iniziale di 10-0 che ha subito indirizzato il match a tutto favore dei padroni di casa. Nei primi dieci minuti i ragazzi di coach Polidori non sbagliano praticamente nulla: grande grinta, ritmo alto, 100% da due e 5/7 da 3, con Valentini e Bertoldo già in doppia cifra.
Il -14 sul tabellone luminoso alla fine del quarto, con 30 punti già incassati, chiarisce che servirà un’impresa alla Dynamic, rimasta senza una rotazione per l’infortunio di Minchella, per ribaltare il risultato e vincere la partita.
Nonostante il gap considerevole da colmare (che arriva a 18 punti nei primi minuti del secondo periodo), i gialloblù si ricompattano e cercano di racimolare qualche punto prima del riposo lungo. Con il mini parziale di 14-23 e la tripla allo scadere di Rossi, si torna negli spogliatoi con soli 5 punti da recuperare.
Nella ripresa è tutta un’altra partita. Valentini commette subito il quarto fallo e la squadra di casa tira con percentuali molto più basse rispetto all’avvio (4/10 da 2 e 0/5 da 3). I venafrani macinano metri ed effettuano il sorpasso, decisivi soprattutto dalla lunetta con il 14/15 dei liberi realizzati nel terzo quarto. Dal -5 al +7, i venafrani prendono in mano il pallino della gara conducendo fino alla fine. Rinaldi trascina i suoi alla conquista del referto rosa infilando tre triple fondamentali per sigillare il risultato e chiudendo la partita a quota 32. Doppia cifra anche per Moretti (10), Rossi (11) e Laguzzi (11), protagonisti di una gara giocata col cuore prima ancora che con le gambe.
La sconfitta di Cagliari ridisegna la griglia dei playout, ma la vittoria di Battipaglia nello scontro diretto con Patti lascia la situazione invariata dal punto di vista dell’avversaria da battere, che resta comunque la squadra siciliana.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi