La Dynamic resiste per due quarti, poi dilaga Cassino

VIRTUS CASSINO: Banach 7, Petrucci N, Panzini 12, De Ninno 9, Di Poce 4, Guglielmo 7, Del Testa 17, Carrizo, Sergio 14, Cena 15

DYNAMIC VENAFRO: Carcillo, Rinaldi 14, Sabetta, Casapenta, Gueye, Minchella 9, Laguzzi 19, Rossi 15, Cancelli 5, Pirozzi, Bandera.

Non riesce l’impresa della Dynamic in casa della Virtus Cassino, in quello che da molti è considerato un secondo derby per i venafrani.
Coach Mascio deve fare i conti prima di tutto con il roster da schierare in campo, amputato di due tasselli fondamentali come Moretti e Tamburrini.
Il calendario non arride certo ai venafrani: dopo la brutta sconfitta con Palestrina, arrivano Cassino e Barcellona. A dispetto della posizione in classifica, la formazione allenata dal venafrano Luca Vettese è una delle più attrezzate del girone, malgrado l’assenza di Bagnoli.
La Dynamic prova ad intaccare il gioco dei laziali che, nella prima parte del match, sembrano soffrire la difesa ospite. Le conclusioni arrivano principalmente dalla lunga distanza, ma in generale la zona venafrana regge l’urto e limita i danni. Più problematica invece, la fase offensiva. Nel primo quarto, solo Cancelli e Laguzzi non chiudono a zero e il 25% al tiro dal campo non consente di andare oltre gli 11 punti dopo i primi 10 minuti di gioco. La Virtus colpisce soprattutto dalla linea dei tre punti: 36 degli 85 punti messi a referto arrivano dai 6,75 m, con percentuali che sfiorano il 50% dei tiri realizzati.
Fatale il terzo quarto con il parziale di 29-11 che chiude il match prima del gong finale. Niente da fare per la Dynamic, che vede sfumare definitivamente la possibilità di tenere aperto il confronto. Trovano spazio nel garbage time finale anche gli under 17, quando la testa è ormai alla sfida interna con Barcellona.
Ottimi i numeri di Del Testa, uno dei principali artefici della volata del terzo quarto, praticamente infallibile al tiro da 3 punti, affiancato dalle buone prestazioni di Sergio (14 punti e 8 rimbalzi), Cena (15 punti) e Panzini (12 punti e 7 assist). Ai venafrani mancano invece i punti di Rinaldi (0/7 dal campo alla fine del terzo quarto), costretto a coprire la duplice assenza di Moretti e Tamburrini e a rinunciare spesso al suo ruolo naturale da 4. Solo cinque giocatori in maglia Dynamic vanno a segno: Laguzzi (19), Rossi (15), Minchella (9), Cancelli (5) e Rinaldi nel finale (14).
Domenica prossima si torna al Pedemontana contro Barcellona, un’altra avversaria per nulla semplice. Mantenere il morale alto non sarà facile, ma mai come ora è necessario tenere i nervi saldi, resistere e reagire.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi