Dynamic Venafro, la dura partenza

VALDICEPPO PERUGIA – DYNAMIC VENAFRO
89-66

PERUGIA: Meschini 13, Anastasi 10, Negrotti 17, Bracci 11, Panzieri 5, Burini 13, Orlandi 11, Matejka meccoli 4, Casuscelli 3, Giovannoli 2

VENAFRO: Di Vito 3, Kushchev 8, Chiari 2, Minchella 13, Prete 2, Tamburrini 19, Cancelli, Moretti 7, Montanaro, Smorra 12

Siamo alla terza giornata di campionato e la Dynamic Venafro è ancora a zero. Molti rievocano i fantasmi del passato, tante sono le sentenze, i paragoni fuorvianti, i commenti a posteriori.

I venafrani scendono in campo con la marcia bassa, usufruiscono del primo quarto per carburare e prendere le misure degli avversari, ma a meno di due minuti dalla fine la tripla di Burini porta sotto i viaggianti che si ritroveranno ad inseguire per buona parte della gara.
Negrotti allarga il gap a 7 e Panzieri, Bracci e Burini (6 assist, 9 rimbalzi e 50% al tiro) trovano i canestri che costringono i ragazzi di coach Mascio a destarsi dal torpore iniziale. Minchella piazza una tripla su assist di Tamburrini e prova a riprendere in mano l’inerzia della partita. Si accorciano le distanze, benché il divario sia ancora in doppia cifra. Botta e risposta tra un canestro e l’altro e, dejà vu, Minchella ne mette a segno un’altra. Assist ancora un volta di Tamburrini.
I due piccoli del Venafro riescono ad accorciare le distanze, che diventano una questione di spicci quando Smorra piazza una bomba dallo step-back.
37-31 sul tabellone luminoso e ancora un minuto e mezzo di gioco prima dell’ingresso negli spogliatoi. Smorra ci riprova, spara con la mano di Orlandi in faccia e subisce fallo. 2/3 ai liberi e il match è abbondantemente riaperto.
Anastasi segna gli ultimi 4 punti della prima metà di gioco (tripla e 1/2 ai liberi), che si arresta sul +8 per i padroni di casa.
I primi minuti della ripresa sono i più interessanti della gara.
Smorra non ha ancora raffreddato la mano e segna da fuori area, ma è la tripla di Tamburrini a portare i venafrani ad un solo possesso di svantaggio.
Meschini allunga, ma il 2/2 di Minchella dalla linea del tiro libero non consente ai padroni di casa la fuga.
È a metà del terzo quarto che i ragazzi di coach Mascio riescono a passare in vantaggio, con i liberi di Moretti e la tripla di un ispirato Minchella (3/5 da 3 punti) che scalda il folto pubblico ospite giunto in terra umbra per seguire il match.
45-50 e massimo vantaggio per i gialloblù. La squadra di casa ha perso la bussola, non riesce più a contrastare i viaggianti, ma nel giro dei due minuti successivi e fino alla fine della partita accade l’inverosimile: i nostri ragazzi fanno lo stesso gioco degli avversari e iniziano a perdersi, e poi arriva la sconfitta, agghiacciante e beffarda perché stavolta la vittoria era parsa a portata di mano.
Il tiro dall’arco di Burini, gli appoggi di Bracci e Matejka e la tripla di Orlandi a qualche secondo dalla fine del quarto riportano i venafrani sotto. La sirena suona sul 59-51.
Il quarto periodo di gioco è una lenta agonia. I venafrani sembrano paralizzati, bloccati dal peso di quei zero punti in classifica che appesantiscono ogni passo dei giocatori in campo.
Tutta la stagione passata si riavvolge sul nastro, i colpi degli avversari si subiscono passivamente senza la forza di reagire.
L’asse Causcelli-Negrotti frutta ai padroni di casa 13 punti, cui si sommano le triple di Panzieri e Meschini e i punti finali di Anastasi.
I locali segnano il doppio dei venafrani (30-15).
Sul finale arrivano i primi tre punti in serie B del ’98 Francesco Di Vito (1/1 dal campo, 1/1 ai liberi e 2 rimbalzi in 1.06 di gioco).
Il resto è solo tanta amarezza e paura di ciò che questa stagione possa o non possa portare.
Ma lo sport, e la pallacanestro in particolare, insegna che i fantasmi possono essere sconfitti e che la differenza tra vittoria e sconfitta sta solo nella volontà di superare le difficoltà e abbattere gli ostacoli, consapevoli che in campo non si combatte da soli, ma che, si vinca o si perda, si sta tutti sulla stessa barca. Soprattutto nella tempesta.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi