U20 – Applaudita Sconfitta

Campionato Promozione Regionale

Fase a orologio

Basket Bojano – Basket Venafro U 20 – 89/58

Parziali 15/13 – 40/32 – 71/46

 

BASKET BOJANO:  Forte 16, Di Nicola 9, Spina 26 (cap), Rufo 22, Guerrera 7, Scopinaro 4, Di Carlo 3, Amatuzio n.e., Gianfrancesco;  Allenatore: Faustoferri

 

BASKET VENAFRO U 20: Cancelli 21, Cotugno 10, Bandera 7 (cap), Di Vito 13, Pepe 5, Pitocco, Integlia 2, . Allenatore:  —

 

Note:
Arbitro:  Guarino, Di Bernardo

 

In un freddo PalaVarazi di Bojano dove  si incontrano, per la seconda partita di andata della fase a orologio del campionato di pallacanestro, i locali ed esperti matesini guidati dal coach Faustoferri contro i nostri ragazzi U20, questa sera soli, senza allenatore.

Nella prima giornata di questa fase, i nostri giovani avevano giocato e perso contro i primi della classe, cioè il Campobasket, che nonostante fosse arrivato al Palapedemontana con soli sei uomini a referto, ha battuto nettamente i venafrani, in quella serata seguiti dal loro coach Boianelli. Sempre a proposito di quella partita, si erano visti dei regressi in tutti i settori da parte dei nostri, con molte difficoltà sia in attacco che in difesa ( punteggio della partita: Bkv 53- Campobasket 78,ndr).

In questa sfida odierna, quindi, si partiva con degli handicap e dei presupposti negativi, sia per il tasso tecnico, del gioco delle due formazioni, per l’assenza del coach e sia mentale, visto che si giocava fuori casa e contro una delle contendenti alle final four, infatti i locali dividono il quarto posto in graduatoria a 16 punti con l’altra compagine venafrana.

Passiamo alla cronaca della partita che riserverà delle liete sorprese.

La palla a due da il via alla partita che vede come primo quintetto iniziale dei locali Di Nicola, Spina, Di Carlo, Gianfrancesco e Forte, dall’altra parte capitan Bandera lascia fuori Integlia e Pitocco.

Un primo quarto che  dopo vari errori da ambo le parti si accende con la marcatura dopo circa 3 minuti di Forte a cui risponde Cotugno e prosegue con i matesini che cercano di allungare, ma con i nostri ragazzi che rispondono colpo su colpo. I nostri si amministrano bene e fin da subito pongono molta attenzione alla difesa, con degli accoppiamenti azzeccati e con Cotugno ben determinato nei rimbalzi difensivi.

Il primo quarto si chiude su un soddisfacente 15 a 13 per i locali.

Le remore iniziali dei venafrani si spengono e nel secondo quarto continuano con concentrazione e determinazione. E’ un equilibrio instabile, tant’è che Di Vito riesce ad agguantare il pareggio sul 25 pari, gli risponde Rufo, ma è la tripla di Cancelli, top scorrer per la sua squadra, che per pochi istanti porta in vantaggio i viaggianti sul 27/28. I matesini non ci stanno e continuano con Rufo e Di Nicola ad attaccare e a segnare, fino a chiudere di poche lunghezze in vantaggio il primo tempo.

Finora ciò che si è visto è molto positivo, i nostri ragazzi stanno tenendo contro una squadra con cui avevamo perso nettamente, anche in casa, peccato solo per gli errori al tiro, ma ora devono continuare a giocare senza pensare al piccolo divario, tenere in difesa e proseguire a gestirsi seguendo la saggezza e la calma del loro capitano.

Passano i canonici 10 minuti di riposo e si riparte.

A rientrare in campo però, sembrano solo i locali perché dopo solo pochi minuti piazzano un netto parziale di 14/2, dovuto al “risveglio” di Spina, che con le sue triple fa la differenza e con l’unica segnatura di Cancelli. Spina si ripete poco dopo segnando quasi dalla linea di centro campo, gli risponde ancora Cancelli con un’altra tripla. Il divario è ormai netto quando capitan Bandera chiede minuto,  siamo sul 61/46 e purtroppo neanche questo riesce a cambiare l’andamento della partita. Segna Cotugno in una maniera che vi descriveremo. Ci si trova in rimessa in attacco, ad eseguirla è proprio Luca Cotugno che si trova un avversario di spalle ed i compagni marcati, ha un intuizione, lancia la palla sulle spalle dell’avversario, in modo che gli ritorni fra le mani, un palleggio e tira appoggiando a tabella, non segna, prende rimbalzo e riappoggia a tabella ma questa volta segna due fantastici punti, sbagliando il primo appoggio facile e segnando su una difficile seconda opportunità. Azione degna di applausi.

I tentativi di riaggancio dei nostri favoriscono inevitabilmente i contropiedi degli avversari che segnano facili terzi tempi. Questo penultimo quarto si chiude su un netto 71/46, un parziale di tempo di 31/14 nel quale le triple e il gioco maschio dei matesini hanno fatto la differenza.

Ultimo periodo, con i nostri che riescono a tenere il campo come hanno fatto finora e non si demoralizzino.

Si riparte e subiscono un ulteriore breack di 6/0 tutto merito del giovane Rufo, ma i nostri non si abbattono e continuano ad onorare la sfida.

A questo punto della partita, durante una nostra azione di attacco, sboccia e matura un fiore. L’innamoramento con la palla a spicchi che era iniziato in villa, durante il torneo estivo, trova i suoi frutti. Parliamo di Lorenzo Integlia che a settembre era venuto al palazzetto per entrare nella Bkv e quasi subito in allenamento si era infortunato ad un ginocchio. Non ha mollato e dopo 155 giorni da quell’infortunio, non solo ha esordito in campionato promozione ma ha anche segnato un fantastico piazzato, bravo Lorenzo per la dimostrazione che hai dato!

La partita continua con un’altra tripla di Spina, ribadita allo stesso modo questa volta da Bandera, che si ripete poco dopo ma questa volta portando solo due punti nel carniere.

Negli ultimi scampoli di partita con Di Nicola che segna 7 dei suoi 9 punti totali a referto, Pepe centra una tripla e Cancelli con una “palombella” fissano il punteggio finale sul 89/58.

La sirena stride e segna la fine della partita, ma il suo suono non sembra sgradevole, anzi, sembra dire ai nostri ragazzi “Bravi ragazzi, Bravi a tutti”

E’ stata la partita che non ti aspettavi, con i nostri U20 che hanno giocato senza paura e con sfrontatezza, cercando le soluzioni alle varie fasi della partita e seppur hanno perso, lo hanno fatto con onore e dando del filo da torcere agli avversari.

Concludiamo con una citazione che crediamo calzi alla perfezione:

“La sconfitta non è il peggior fallimento. Non aver tentato è il peggior fallimento.” (George Edward Woodberry)

e voi ragazzi ci avete provato…

 

Ufficio Stampa Basket Venafro

www.basketvenafro.it

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi