SERIE C – La Siem Basket Venafro sfida l’Antoniana Pescara: il pre-match di Pierluigi Capasso

Dopo due partite lontane dalle mura amiche, domenica la Siem Basket Venafro farà ritorno a casa per la penultima giornata di ritorno del campionato di Serie C. L’ultima avversaria della regular season a scendere in campo sul parquet del Palapedemontana sarà l’Antoniana Pescara, squadra che storicamente è spesso riuscita a mettere i bastoni tra le ruote alla formazione di Coach Valente.

Al di là di quello che dica la classifica, infatti, nelle nove sconfitte stagionali incassate dai venafrani è presente proprio il nome della formazione di Coach Pace, che un po’ inaspettatamente nella gara di andata in scena al Pala “Colle dell’Ara” era riuscita a conquistare i due punti al fotofinish, lasciando a mani vuote i gialloblu. Due punti persi che, guardando adesso la classifica, pesano come un macigno per Capitan Minchella e compagni, che al momento guardano all’obiettivo quarto posto più con speranza che con realtà, trovandosi a inseguire la Nova Farnese Campli a una vittoria di distanza, quando mancano solo due partite alla fine della stagione regolare.

Come si suol dire, però, la speranza è proprio l’ultima a morire, e nonostante la debacle dello scorso sabato a Teramo, la Siem può ancora incrociare le dita e continuare a puntare con qualche piccola pretesa l’obiettivo quarto posto, grazie al contestuale passo falso proprio della Nova Farnese Campli, uscita anch’essa sconfitta nella sfida casalinga contro Roseto, che ha lasciato il gap tra le due squadre invariato.

Ancora prima di guardare, però, sugli altri campi e affidarsi alla sorte, bisogna innanzitutto guardare in casa propria, andando a vincere le due partite che ci separano dalla fase ad orologio. Bisogna, quindi, partire e ripartire proprio dalla sfida contro l’Antoniana Pescara, squadra imprevedibile e pronta sempre a riservare qualche sorpresa sul campo, nonostante quello che dicano i pronostici. In questa stagione, infatti, i bianconeri hanno dimostrato più volte di poter essere competitivi anche con i più “grandi”, come nelle due sfide vinte con l’Olimpia Mosciano e la vittoria nella partita di andata proprio con i venafrani.

In un periodo non proprio facilissimo per i gialloblu, bisogna resettare le delusioni e soprattutto le prestazioni un po’ opache delle ultime partite e ritrovare quell’intesa e quell’intensità di inizio nuovo anno, che aveva portato in casa Venafro una ventata di fiducia e aspettative per la stagione in corso, per cercare di addrizzare un percorso fatto di alti, ma anche molti bassi, per tornare a puntare in alto o quanto meno non compromettere ulteriormente la situazione in classifica.

A presentarci la partita è uno dei giovani di casa Pierluigi Capasso, che ci ha raccontato dell’ultima sconfitta e della voglia di tornare a vincere nell’intervista che trovate di seguito:

Lo scorso weekend è arrivata la nona sconfitta stagionale nello scontro diretto contro Teramo Basket 1960. Una sconfitta ampia, condizionata sicuramente dall’eccellenti percentuali al tiro avute dalla squadra di casa. Credi sia stato proprio questa la discriminante che ha permesso ai biancorossi di strapparvi il referto rosa o è mancato anche qualcosa nella vostra prestazione di squadra? Che partita hai visto?

“Come abbiamo assistito anche nelle scorse stagioni, Teramo è una squadra che ha diversi giocatori che possono dare problemi qualora trovino il giusto ritmo. Dal mio punto di vista la sconfitta subita è arrivata a causa di un approccio iniziale sbagliato con la partita. Abbiamo concesso fin dall’inizio molti tiri da fuori area, il che ha permesso agli avversari di acquisire questo ritmo, entrando in partita nel migliore dei modi e trascinarselo fino alla fine, mettendoci in difficoltà per tutta la partita.”

Domenica affronterete sul parquet di casa l’Antoniana Pescara che, nonostante la differenza in classifica, rappresenta sempre una squadra ostica per voi, con cui avete perso dei punti importanti sia in questa stagione che in quella precedente. Come state preparando la partita? Quali sono i punti di forza sui quali puntare per evitare una sconfitta come successo nel match di andata e ritrovare la vittoria?

“Pescara è una squadra con la quale purtroppo non abbiamo uno storico brillante; è un’avversaria che sa metterci in difficoltà. Durante questa settimana di allenamenti abbiamo cercato di preparare al meglio il piano partita e di mantenere un’alta intensità, in maniera tale da non replicare il match sottotono del girone d’andata e tornare a riconquistare quello che fino alla sconfitta contro Termoli era il nostro fortino di casa.”

In queste ultime partite probabilmente non abbiamo assistito alle vostre migliori prestazioni, aldilà della vittoria e della sconfitta finale. Credi ci sia un po’ di stanchezza alla fine di questo girone di ritorno o si è perso qualcosa dal punto di vista del gioco o dell’atteggiamento, rispetto a quanto di buono visto tra fine/inizio nuovo anno?

“A mio avviso le cattive prestazioni dell’ultimo periodo sono una conseguenza delle ultime sconfitte che ci hanno un po’ buttato giù. Siamo agli sgoccioli di questo girone di ritorno e in queste ultime settimane che rimangono lavoreremo duramente per ritrovare il ritmo e la motivazione di inizio anno, così da ritornare a fare bene.”

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi