C SILVER: La Siem Basket Venafro esce sconfitta dalla trasferta di Teramo

TERAMO BASKET 1960 – SIEM BASKET VENAFRO 72 – 61

(19-15/28-34/45-41)

Teramo Basket: Massotti 27, Leonzio 11, Moretti, Listwon 6, Mastrodomenico 12, De Luca 9, Palantrani 7, Lanzillotto ne, Zansavio.

Basket Venafro
: Capasso 2, Cancelli, Dekic 18, Minchella 7, De Santis 6, Iuliano, tamburrini 10, De Santis 7, Romanelli, Cimorelli, De Santis, Riverolde 11.

Nel match di sabato sera la Siem Basket Venafro incassa la terza sconfitta in campionato ad opera degli abruzzesi della Teramo Basket 1960, che si impongono con il punteggio di 71 – 61. Fallisce, dunque, il tentativo di sorpasso in classifica degli uomini di Coach Valente, che rimangono invece fermi a 6 punti, alle spalle del gruppo di testa composto proprio proprio dalla squadra di Coach Di Eusanio, Atri Basket e Torre Spes e dalla capolista Nova Farnese Campli.

Così com’era accaduto proprio nella trasferta di Campli, la sconfitta è frutto degli ultimi 20 minuti di gioco, in cui Minchella e compagni sono riusciti a mettere a referto solo 27 punti a fronte dei 44 dei padroni di casa, riuscendo, nonostante ciò, a contendersi i due punti in palio fino agli ultimi istanti di gara e cedendo solo nel finale.

Dopo aver chiuso in vantaggio la prima parte di partita, portandosi al riposo lungo sul +6, al rientro degli spogliatoi la Siem è poco attenta in difesa e incisiva in attacco e i biancorossi sono bravi a sfruttare la situazione, mettendo a referto un mini-parziale di 9-0 che gli proietta di nuovo davanti. A 5 minuti dalla fine del terzo periodo si sblocca finalmente il punteggio per i venafrani con il pick and roll di De Santis A. che fa 2+1, rimette in parità la partita e soprattutto da nuova linfa alla squadra.

Negli ultimi 10 minuti di gioco nulla è ancora deciso, con il vantaggio che oscilla da una parte e l’altra. Teramo prova a prendere il largo con il tiri dall’arco di Masotti e De Luca, ma i canestri di Dekic rimettono tutto in discussione. E’ Palantrani a dare il colpo del ko, mettendo a segno una bomba fondamentale a 1 minuto dalla fine che stordisce i venafrani e li conduce alla terza sconfitta in campionato.

C’è ancora molto lavoro da fare per una squadra che ha la qualità per fare molto meglio, ma che non riesce ancora a trovare la giusta continuità di prestazioni e risultati.

 

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi