Stagione 2021-2022: l’impresa impossibile dalla Basket Venafro

Che la Basket Venafro sia una grande famiglia questo lo si sapeva già, ma nella stagione sportiva 2021/2022 la famiglia si è allargata e pure di parecchio. Dopo due anni particolari, caratterizzati dagli effetti negativi della pandemia, l’impresa di ripartire a ritmi pieni, sia come attività sia come numeri, era una sfida tutt’altro che facile, ma allo stesso tempo assolutamente necessaria, non solo per la Basket Venafro, ma per tutto il movimento cestistico e sportivo in generale. Basti pensare che, dati alla mano, nel bienno 2019-2020 il movimento sportivo italiano ha perso 1 milione e 760mila iscritti/tesserati e ben oltre 5000 società e associazioni dilettantistiche, con strascichi anche nel bienno successivo, a causa delle restrizioni ancora presenti. In uno scenario a dir poco drammatico, il 2022 doveva rappresentare l’anno della ripresa, ma si era già fortunati se ci si arrivava “decimati” ma “vivi”.

Una sfida che la Basket Venafro ha affrontato a denti stretti in questi anni, fronteggiando tutte le difficoltà del caso, per arrivare alla stagione sportiva 2021/2022 con la pretesa di voler ripartire da dove tutto si era interrotto, come se niente fosse successo. E se già questa era un’impresa piuttosto difficile, quella di raddoppiare i suoi tesserati era un’impresa quasi impossibile. Eppure le imprese impossibili sono fatte per diventare imprese possibili, per qualcuno che con la passione, la forza e l’impegno, ha il coraggio di sfidarle. E come se fosse un vero e proprio super eroe, la società cestistica più longeva del Molise, ci ha provato e ci è riuscita. Sembra quasi una favola o uno di quegli avvincenti film della Marvel con il cattivo di turno e il super eroe; ma in questo caso è tutto vero.

Più di 200 iscritti, tra prima squadra, settore giovanile, femminile e minibasket. Più di 200 persone tra ragazzi, ragazze, bambini e qualcuno anche un po’ più avanti con l’età; molti sono entrati in palestra per la prima volta, tanti hanno ripreso da dove avevano lasciato l’anno prima, qualcuno è tornato dopo tanti anni di stop. Più di 200 persone hanno giocato con la palla spicchi sul parquet del PalaPedemontana, nonostante tutte le difficoltà logistiche e organizzative da gestire, in una struttura sportiva non del tutto adeguata dal punto di vista della qualità e della quantità. Tutto questo grazie alla presenza di una complessa macchina organizzativa che vanta all’attivo 3 presidenti, 25 dirigenti e 6 componenti dello staff tecnico.

Numeri difficili da raggiungere anche in uno scenario normale in un piccolo paesino del Molise, figuriamoci dopo tutto quello che era successo in questi anni. Eppure l’impresa impossibile della Basket Venafro è davvero realtà, una realtà che fino all’anno scorso era difficile da immaginare; e, invece, si è riusciti a trasformare una situazione difficile in un’opportunità di crescita e non si poteva fare di meglio. ASSIST, l’iniziativa intrapresa ad inizio anno con l’obiettivo di riportare in palestra i ragazzi senza alcun costo aggiuntivo, è stata la strategia vincente, ma non solo. Il tutto condito da un’offerta sportiva che mai come in questi anni pullula di opportunità di alto livello per i ragazzi: campionati, tornei, concentramenti minibasket, progetti europei.

Numeri non solo da mettere in grassetto in copertina, ma che portano con sè risultati concreti sul campo di un’annata da incorniciare: campionati vinti con la categoria U13 e Esordienti; la vittoria della prima fase e la partecipazione alla seconda fase con le migliori del Molise e dell’Abruzzo con i ragazzi dell’U17; l’ottimo quinto posto raggiunto dai ragazzi della DM Tecno Venafro della categoria U19; la semifinale playoff raggiunta dalla SIEM Basket Venafro nel campionato di C Silver abruzzese, con una squadra composta per la maggior parte da giocatori cresciuti nel proprio vivaio. Per non parlare del movimento femminile che, dopo anni di completa assenza, è completamente rinato, riunendo sullo stesso parquet ben 33 ragazze delle annate dal 2003 al 2011. Dulcis in fundo il gruppo dei “Belli de notte”, che ha dato la possibilità alle persone più disparate tra ex giocatori, appassionati, genitori, amici di amici, di tutti i tipi e di tutte le età di rimettersi in forma con la palla a spicchi e soprattutto divertirsi. Insomma, quest’anno non è proprio mancato nulla.

Un 2022 da incorniciare e da ricordare, che, oltre all’inizio della nuova stagione, terminerà con la conclusione dei due progetti europei “Basket for Women” e “Basket for Change”, con le ultime tappe che si terranno a proprio a Venafro entro la fine dell’anno.

Per un’annata sportiva giunta al termine, ce n’è un’altra che inizia. La Basket Venafro è pronta per un’altra grande stagione, che sia più grande di quella appena trascorsa.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi