C GOLD – I gialloblù provano la rimonta, ma Agropoli prevale

BASKET VENAFRO – NEW BASKET AGROPOLI 68-84

BASKET VENAFRO: Casapenta 2, Pesic 31, Cocozza 5, Pignalosa 5, Montanaro 2, Minchella 3, Pirozzi, De Santis, Capocci, Santoro, Barreiro 20, Romanelli.

.

NEW BASKET AGROPOLI: Gazineo 8, Pekovic, Popov 13, Farese 2, Borrelli 10, Simaitis 27, Ferretti 7, De Marco, Cantarella 2, Labovic 2, Ouandie 13

.
I gialloblù sapevano di avere difronte una formazione di tutto rispetto, ma nella prima metà di gara, ieri, si sono parecchio complicati la vita. Tiri corti, palle perse, occasioni sprecate: questo il lascito di un approccio mentale alla partita non del tutto positivo. 
Agropoli è arrivata al Pedemontana da imbattuta e tale si è confermata in un match praticamente a senso unico.
La qualità di elementi come Simaitis, Ouandie, Borrelli e Popov è venuta fuori sin da subito, tracciando un primo solco tra le due formazioni.
I venafrani hanno tardato ad entrare in partita e questo ha penalizzato l’andamento della gara. Difficile contenere un giocatore così esplosivo come Ouandie, per cui non è bastato il solito lavoro difensivo di Cocozza e Co. E difficile è stato anche attaccare la difesa campana, che ha saputo tenere i padroni di casa sotto i 30 punti fino al riposo lungo.
Uno sprazzo di luce è arrivato tra terzo e quarto periodo, quando i gialloblù sono stati capaci di ridurre la doppia cifra di svantaggio e rientrare in partita. Il canestro con fallo subito di Barreiro ha portato gli uomini di coach Valente a -3 dalla capolista, con metà quarto abbondante ancora da giocare. Pesic assoluto trascinatore dei venafrani (per lui una partita da 31 punti col 55% dal campo, il 100% ai liberi e 8 rimbalzi): le sue triple hanno accorciato il gap e permesso la rimonta. Grande impatto sulla partita anche quello di Casapenta, che ha messo a referto solo 2 punti ma che è entrato in campo con quella determinazione che è stata così cruciale nel momento decisivo.
L’incantesimo però si è spezzato poco dopo. Agropoli ha piazzato un parziale di 9-0 che ha allungato nuovamente lo svantaggio dei padroni di casa e chiuso effettivamente la partita.
Negli ultimi minuti, entrambi i coach hanno concesso qualche minuto in più alla panchina e il match si è chiuso sul 68-84.
Una sconfitta che, almeno per il momento, non pesa sulla classifica. Ma il calendario riserva a coach Valente e ai suoi ragazzi un’altra sfida importante in casa di Avellino. Sarà fondamentale fare bene per non vanificare il buon inizio di stagione e per non perdere la spinta emotiva che le tre vittorie del primo mese avevano dato alla squadra.

Attachment

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi