Secondo referto rosa per la Munchies Venafro

CAMPIONATO RAGIONALE DI PROMOZIONE

SECONDA GIORNATA

MUNCHIES BASKET VENAFRO – ACCADEMIA ISERNIA

60 – 34

MUNCHIES BK VENAFRO: Mascio 12, Russo 15, Zullo 10, Minchella 3, Migliarino 13, Capocci 3, Cosenza 4.

ACCADEMIA ISERNIA: Armenti, Cicchetti 13, Di Nezza 7, Di Risio, Fuschino 2, Gagliardi 5, Lieggi 2, Lombardi 1, Russo 4.

Usciti per falli: Russo, Fuschino (Isernia)

 

Non una grande partita, almeno nelle fasi iniziali, quella tra la Munchies Basket Venafro e l’Accademia Isernia, valida per la seconda giornata del campionato di Promozione.

I venafrani, a caccia del secondo referto rosa, si presentano all’appuntamento con qualche assente e partono con Mascio in regia, capitan Russo, Zullo, Minchella e Migliarino sotto canestro. I ragazzi di coach Canzano, tutti classe 2000, rispondono con Cicchetti, Di Nezza, Gagliardi, Lieggi e Russo.

Non accade niente nei primi quattro minuti, che scorrono sul tabellone senza che nessuna delle due squadre riesca a trovare la via del canestro.

È Migliarino che scioglie il ghiaccio e mette a segno i primi due punti della gara, ma il match rimane in una fase di stallo, tant’è che al suono della prima sirena nessuna delle due contendenti è riuscita ad andare in doppia cifra.

Si riprende sul punteggio di 9-4 per i padroni di casa, ma la seconda frazione di gioco è costruita sulla falsariga della precedente.

La squadra ospite tenta di dare il meglio di sé. Malgrado la differenza di età e di stazza fisica infatti, i ragazzi di coach Canzano non si lasciano intimorire dai padroni di casa e provano ad impostare la partita su rapidità e solidità difensiva.

Venafro, dal canto suo, non riesce a sfruttare l’esperienza degli elementi in campo. Appare discontinua, imprecisa anche nei fondamentali, spenta e poco reattiva.
Le triple di Gagliardi prima e Cicchetti subito dopo, costringono i padroni di casa all’inseguimento. La prima metà di gara si chiude su un modesto 19 pari, che i venafrani riescono ad agguantare solo grazie ai punti concessi dalla lunetta.

I primi minuti della ripresa non sembrano far presagire una netta inversione di marcia né da una parte né dall’altra. Gli errori continuano a sommarsi l’uno dietro l’altro, la via del canestro appare quasi inaccessibile.

La scossa decisiva arriva però dalle mani di Minchella, che mette a segno la prima tripla di serata per i padroni di casa. Il contropiede di Migliarino, che porta a casa fallo e canestro e chiude il gioco da tre punti, la bomba di capitan Russo e i tiri dalla media di Zullo e di un sapiente Migliarino, mettono a tacere le velleità degli isernini, che nel corso del terzo quarto, complice anche l’uscita per somma di falli di Russo e subito dopo di Fuschino, riescono a segnare solo quattro punti.

Il break è decisivo e cala il sipario su una partita a tratti priva di emozioni.

L’ultimo quarto sembra guarire definitivamente i padroni di casa, che ora riescono più facilmente a trovare il canestro. Mascio distribuisce agevolmente punti nelle mani dei compagni e ne mette a segno 7 solo nei dieci minuti finali; Russo infila un’altra bomba e chiude la sua partita con 15 punti a referto; e ancora Zullo e Migliarino ad infierire sugli avversari che sembrano ormai sfibrati e riescono a strappare punti grazie soprattutto ad un indomito Cicchetti.

Il gong finale chiude il match sul punteggio di 60-34 per la Munchies Bk Venafro, che si porta in cima alla classifica e lascia a zero gli isernini di Canzano, che, nonostante la sconfitta, hanno saputo dare filo da torcere agli avversari.

Il prossimo appuntamento è a venerdì sul campo dell’altra capolista Basket Boiano. Un match dunque, valevole per il vertice della classifica.

 

 

Ufficio Stampa Basket Venafro

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi